Notizia

Concordato, taglio dell’Iva senza transazione

Pubblicato il 30 gennaio 2017 Il Sole 24 ore;Italia Oggi

Dal 1° gennaio scorso il debitore deve ricorrere alla transazione fiscale per proporre il pagamento parziale dei tributi - comprese Iva e ritenute - nel concordato preventivo e negli accordi di ristrutturazione dei debiti. Lo ha previsto la Legge di Bilancio (articolo 1, comma 81, L. 232/2016), che ha modificato l’articolo 182-ter, L.F. (R.D. 267/1942). Invece, fino al 31 dicembre 2016 continua a operare un “doppio binario” alternativo: il debitore può accedere alla transazione fiscale, pagando però per intero Iva e ritenute; oppure può decidere di non avvalersi della transazione e di procedere alla falcidia anche di queste voci di debito. È questo il principio affermato dal Tribunale di Milano che, con il decreto del 29 dicembre 2016, si è espresso sulla legittimità di una proposta di concordato preventivo che, senza transazione fi-scale, prevedeva la falcidia dell’Iva e delle ritenute operate e non versate.

Prossime scadenze

Calendario
Scadenza del 16 luglio 2024
Iva Liquidazione mensile

Liquidazione IVA riferita al mese di giugno e versamento dell’imposta dovuta.

Scadenza del 16 luglio 2024
Irpef Ritenute alla fonte redditi di lavoro dipendente e assimilati

Versamento delle ritenute operate a giugno relative a redditi di lavoro dipendente e assimilati (collaboratori coordinati e continuativi – codice tributo 1001).

Scadenza del 16 luglio 2024
Irpef Ritenute alla fonte redditi di lavoro autonomo

Versamento delle ritenute operate a giugno per redditi di lavoro autonomo (codice tributo 1040).

Scadenza del 16 luglio 2024
irpef Ritenute alla fonte dividendi

Versamento delle ritenute operate (26% - codice tributo 1035) relativamente ai dividendi corrisposti nel secondo trimestre per:partecipazioni non qualificate;partecipazioni qualificate, derivanti...