Notizia

Detrazioni "edilizie" - comunicazione delle opzioni per la cessione del credito o lo sconto in fattura - termine del 31.3.2023 - remissione in bonis entro il 30.11.2023

Pubblicato il 17 novembre 2023 Il Sole 24 Ore; Eurocoference; Eutekne; Seac;

Il 31.3.2023 è scaduto il termine per trasmettere le comunicazioni di opzione per la cessione del credito o lo sconto sul corrispettivo ex art. 121 del DL 34/2020, riferite a spese sostenute nel 2022 o alle rate residue di detrazioni relative a spese sostenute nel 2020 e 2021.
Avvalendosi della remissione in bonis, è tuttavia possibile trasmettere tali comunicazioni oltre detto termine, purché entro il 30.11.2023 (o, per i soggetti "non solari", entro il termine di presentazione della prima dichiarazione dei redditi successiva al 31.3.2023).
La sanzione pari a 250,00 euro da versare per fruire della remissione in bonis, ex art. 2 co. 1 del DL16/2012, va pagata per ciascuna comunicazione tardiva.
In caso di opzione per la cessione del credito, se entro il 31.3.2023 non solo non risultava trasmessa la comunicazione di opzione, ma neppure era stato concluso l'accordo di cessione, il beneficiario può comunque concludere il contratto di cessione e trasmettere la comunicazione di opzione tardiva entro il 30.11.2023, avvalendosi della remissione in bonis, purché la cessione del credito avvenga a favore di banche, intermediari finanziari, società del gruppo bancario o imprese di assicurazione (art. 2-quinquies del DL 11/2023).

Prossime scadenze

Calendario
Scadenza del 18 marzo 2024
Liquidazione mensile e saldo annuale

Liquidazione IVA riferita al mese di febbraio e versamento dell’imposta dovuta;versamento saldo IVA 2023, in un’unica soluzione o in forma rateale. È possibile differire i...

Scadenza del 18 marzo 2024
Isi e Iva Apparecchi intrattenimento

Versamento dell’ISI (codice tributo 5123) e dell’IVA forfetaria (codice tributo 6729) dovute per il 2024 relativamente agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento di cui a...

Scadenza del 18 marzo 2024
Irpef Ritenute alla fonte su redditi di lavoro dipendente e assimilati

Versamento delle ritenute operate a febbraio relative a redditi di lavoro dipendente e assimilati (collaboratori coordinati e continuativi – codice tributo 1001).

Scadenza del 18 marzo 2024
Irpef Altre ritenute alla fonte

Versamento delle ritenute operate a febbraio relative a:rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza di commercio (codice tributo 1040);utilizzazione di marchi e opere dell&rsquo...